Prestito Fotovoltaico

Il prestito fotovoltaico, entrato stabilmente da diversi anni nell’offerta dei principali finanziamenti bancari, è un prestito diretto a privati e aziende, in grado di supportare attivamente le operazioni relative all’acquisizione e all’installazione di un impianto di sfruttamento di una delle più importanti energie pulite, quella solare.

Attraverso il finanziamento fotovoltaico, infatti, gli istituti di credito permettono ai propri clienti di poter effettuare questi significativi investimenti nelle energie rinnovabili, attraverso i quali combinare i benefici in bolletta – in termini di minor ricorso alla convenzionale energia elettrica ai benefici ambientali, con minor impatto inquinante.

Il prestito fotovoltaico, di norma, è in grado di coprire fino al 100% delle spese legate all’acquisto e all’installazione di un impianto fotovoltaico; con il passare degli anni, alcuni istituti di credito hanno poi compiuto dei passi in avanti nell’offerta di questa tipologia di prodotto, arrivando perfino a offrire dei pacchetti “chiavi in mano”, comprensivi non solo degli aspetti meramente finanziari della transazione, ma anche di quelli più puramente operativi, come la fornitura dello stesso impianto, e l’assistenza nella fase di collaudo o di richiesta di utenza del conto energia.

Proprio il conto energia, insieme a diverse altre disposizioni di natura recente, è una delle agevolazioni più importanti previste nel nostro panorama delle fonti rinnovabili, consentendo al cliente che ha installato un impianto fotovoltaico ad uso privato di “vendere” l’energia prodotta in eccesso a un distributore nazionale di energia elettrica, potendo così ottenere una risorsa remunerativa del proprio investimento in grado di rimborsare almeno parzialmente i costi necessari per l’approntamento di tale impianto.

Il prestito fotovoltaico è inoltre disponibile di norma a tassi di interesse agevolati e particolarmente convenienti rispetto alle condizioni ordinariamente applicate dagli istituti di credito per impieghi di uguale entità o durata. A proposito di durata, l’estensione del piano di ammortamento dipenderà dall’investimento complessivo realizzato, ma non di rado riesce a giungere (e a superare) i 10 o i 15 anni.