Prestito Ecologico di Intesa Sanpaolo

Il prestito Ecologico di Intesa Sanpaolo è un finanziamento personale che l’istituto di credito riserva alla propria clientela che abbia la volontà di investire in energia pulita e in fonti rinnovabili, usufrurendo di tutti i vantaggi extra bancari che sono riconosciuti dalla legge a chi effettua operazioni di acquisto e di installazione di pannelli solari fotovoltaici (il c.d. Conto Energia, giunto alla sua quarta edizione).

Per la clientela e le finalità di cui sopra, la banca offre un finanziamento di importo compreso tra un minimo di 2.500 e un massim di 100.000 euro, in grado di coprire anche l’intero fabbisogno che dovesse manifestarsi per l’installazione del pannello fotovoltaico. La durata del piano di restituzione dovrà invece essere compresa tra un minimo di 2 anni e un massimo di 15 anni (l’estensione pari a 15 anni è ad ogni modo disponibile solo per gli impianti fotovoltaici).

Oltre che per la necessità di installare pannelli solari, il prestito ecologico è altresì utilizzabile per poter finanziarie l’installazione di finestre e infissi che migliorino la coibentazione dell’abitazione, l’installazione di caldaie di nuova generazione ad alta efficienza energetica, l’acquisto di automezzi ecologici e a trazione elettrica, l’acquisto di elettrodomestici ecologici, e tanto altro ancora.

Il tasso di interesse sarà fisso o variabile, a scelta del cliente. L’erogazione dell’importo avverrà in un’unica soluzione, successiva alla delibera positiva da parte dell’istituto di credito. Il rimborso seguirà invece un piano di ammortamento composto da rate mensili, che verranno addebitate automaticamente sul conto corrente del cliente.

Ammessa l’estinzione anticipata del debito residuo in qualsiasi momento, anche per importi parziali. Il pagamento della penale dell’1% è prevista solo per i finanziamenti a tasso fisso.