Prestito Ecologico da Cassa di Risparmio di Terni

Il prestito Ecologico di Cassa di Risparmio di Terni è un finanziamento personale che l’istituto di credito del gruppo Intesa Sanpaolo offre in favore di tutta quella clientela che desideri investire in energia pulita e fonti rinnovabili, permettendo alla stessa di poter entrare in possesso di un capitale utile per poter acquistare e installare pannelli solari fotovoltaici, contando altresì su incentivi pubblici attualmente disponibili all’interno del Conto Energia.

Il finanziamento si rivolge a tutta la clientela lavoratrice dipendente o autonoma di età compresa tra i 18 e i 75 anni, per durate tra i 2 e i 15 anni, cui andrà aggiunto il periodo di preammortamento, inteso come quel periodo temporale intercorrente tra la data di erogazione del finanziamento e la data di addebito della prima rata di ammortamento. La durata massima di 15 anni è inoltre riservata ai soli prestiti per acquisto di impianto fotovoltaico (per le altre finalità, es. coibentazione, la durata massima è di 8 anni).

L’importo finanziabile mediante tale linea di credito dovrà essere compresa tra un minimo di 2.500 euro e un massimo di 100.000 euro. L’erogazione del capitale avverrà, di norma, in un’unica soluzione, con restituzione mediante pagamento mensile posticipato delle rate, con addebito sul conto corrente intestato al debitore.

Il tasso di interesse applicato al capitale oggetto di finanziamento sarà fisso o variabile a seconda delle scelte della clientela della Cassa di Risparmio di Terni: come intuibile, nella prima occasione il finanziamento sarà contraddistinto dall’applicazione di un tasso costante, con rate del piano di ammortamento altrettanto costanti; nel secondo caso, invece, il finanziamento prevederà un tasso indicizzato all’Euribor, con andamento altrettanto variabile dell’importo delle rate.

Ancora, sottolineiamo come sia ammesso, in qualsiasi momento, il rimborso totale o parziale. Per i finanziamenti ecologici a tasso di interesse fisso, è previsto il pagamento di un compenso massimo pari all’1% dell’importo restituito. Per i finanziamenti a tasso variabile non è previsto alcun compenso.